Kitchen

"Non c'è un posto al mondo che io ami più della cucina.
Non importa dove si trova: purché sia una cucina, un posto dove si fa da mangiare, io sto bene."
da "Kitchen" Banana Yoshimoto

Translate

martedì 21 luglio 2015

Torta con Masha e Orso per la piccola Ginevra



In attesa di fare un post più consistente sui 5 (diconsi ben 5!) giorni di ferie trascorsi tra Venezia, Verona e Valgardena, pubblico le foto, scrause come al solito, della nuova bellissima torta fatta da Viola. E' dedicata alla piccola Ginevra, di un anno, e immortala i suoi eroi preferiti (quelli di Ginevra, ovviamente, Viola è un po' grandicella per queste cose) Masha e Orso. E' una mug cake a due  piani con crema chantilly e con copertura e decorazioni in pasta di zucchero. Le banane sullo sfondo sono ospiti involontarie....

Ingredienti per la "Mug cake" 
100 ml di latte
180 grammi di burro
250 grammi di cioccolato fondente spezzettato
220 grammi di farina
1/2 bustina di lievito
200 grammi di zucchero
100 grammi di cacao in polvere
2 uova

Procedimento
Tritate e fate fondere il cioccolato a fuoco dolcissimo con il burro. In un altro contenitore sbattete le uova con il latte e lo zucchero. Fate raffreddare gli ingredienti fusi e uniteli al composto di uova, latte e zucchero, a cui aggiungerete la farina setacciata con il cacao e il lievito. Amalgamate bene e versate il contenuto in una teglia da 22/24 cm di diametro. Infornate a 170° per 50 minuti circa. 

Crema chantilly
4 tuorli
100 grammi di zucchero
50 grammi di farina
mezzo litro di latte
una bustina di vanillina
300 grammi di  panna montata zuccherata

Procedimento
  • Mescolate i tuorli con lo zucchero e poco latte; mettete intanto a scaldare il resto del latte.
  • Aggiungete alla miscela la farina setacciata
  • Aggiungete il restante latte tolto dal fuoco continuando a mescolare
  • Fate bollire a fuoco dolcissimo per almeno due minuti, senza mai smettere di mescolare. 
  •  Togliete dal fuoco e fate raffreddare, ricordandovi di mescolare di tanto in tanto per non far venire la pellicina sopra alla preparazione.
  • Quando la crema sarà perfettamente raffreddata aggiungete la panna montata


mercoledì 8 luglio 2015

La Festa dei Pirati

Con questo post partecipo alla "Linky Party Summer Passion Blogger" del blog Tra Cucina & Realtà
http://cucinaerealta.blogspot.it/2015/06/3-linky-party-summer-passion-blogger-tra-cucina-e-realta-lisa.html


     
Nella caccia al già fatto, in questa impossibilità di cucinare e di fotografare in cui versiamo attualmente, ho ritrovato le foto della festa dei pirati del figlio di mio nipote, Leonardo, non postate perché non ci sembravano fotograficamente all'altezza. Attualmente siamo diventate meno pignole, stante gli eventi. Purtroppo non ci sono foto dell'animazione, tenuta con successo da Niccolò, ma solo qualche misera riproduzione da telefonino scrauso della torta e di qualche dolcetto da noi realizzato. In compenso ho viaggiato per voi nel web per trovare le idee migliori per organizzare un'eccellente festa a tema Pirati, a partire dagli inviti per finire con la nostra torta, e fatto un viaggio nei ricordi di una festa che organizzai per il settimo compleanno di Viola.
L'intento è sempre quello di farvi risparmiare il più possibile, riciclare per fare un favore al nostro pianeta, e divertirsi nella preparazione, possibilmente con i bambini al seguito, che è la cosa che è più importante. Già, perché di cose da comprare ce ne sarebbero tantissime, un'infinità, direi, sia sul web che in ogni negozio di articoli per parties, ma a lasciarci un foglio da cento euro è un soffio. Ci si va per comprare un blocchetto di inviti e dei piattini, e ci si svena in un attimo. Evitiamo, visti i tempi parecchio incerti. E sfruttate le vostre manine d'oro, visto che il nostro pubblico ne è ampiamente dotato.

Gli inviti
Ce ne sono di bellissimi, senza dover spendere un capitale. Da bambini, già pronti



http://isabellapaglia.blogspot.it/2010/06/arrivano-i-pirati-idee-regalo-linvito-e.html


                                                 
                           http://www.sottocoperta.net/bambini/giochi/inviti_festa_compleanno2.asp

O da far colorare loroinviti-compleanno-da-colorare-piratahttp://bigliettidastampare.it/biglietti-invito-compleanno-da-colorare-pirata/
Ma ci sono anche versioni più "serie", costituite da pergamene in bottiglia, che fanno venire voglia di fare una festa a tema pirati anche per gli adulti:

pirate1b

http://fantasticando.blogfree.net/?t=3147311

La versione per bambini del messaggio in bottiglia prevede le bottigliette di plastica, sempre con sabbia e conchiglie, purché ne troviate senza le orride scanalature che fanno subito monnezza.

Prima della festa:
  • raccolta dei materiali per i travestimenti, per cappelli, capanne, galeoni e per gli oggetti del tesoro
  • creazione della mappa
  • creazione dei cartelli per la location
  • costruzione dei cappelli
  • costruzione delle barchette
  • creazione del forziere

Fate un sopralluogo nella location; fate più foto possibile e se possibile prendete delle misure. Prendete appunti sugli elementi emergenti, tipo alberi, cespugli, capanni, e così via. Li dovrete riportare sulla mappa del tesoro.
Fate dei cartelli da affiggere sui luoghi di riferimento sulla mappa; sarà sufficiente del cartone da scatolone, che potrete dipingere o rivestire di carta effetto legno.


https://www.google.it/search?q=sfondo+color+legno+gratis&rlz=1C1AVSA_itIT528IT528&espv=2&biw=1680&bih=911&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ei=9kmdVcXEOoaasgH1vLqIDw&ved=

Per la mappa, ispiratevi a questa


http://fantasticando.blogfree.net/?t=3147311

Occorrente
carta da pacco
lapis e gomma
thè
tempere
penne a china o pennarello marrone a punta fine
candela
accendino
Mettete il thè in infusione come se doveste berlo e invece spennellatelo sulla carta. Lasciate asciugare, disegnate e dipingete. Se vi sgomenta usare tempere e pennelli usate delle comuni matite da disegno. Ripassate  qualche contorno qua e là con il pennarello marrone.

Il cappello
Occorrente
cartoncino bristol, 
spillatrice
carta bianca
colla stick
                                             

Il forziere
Due scatoloni di cartone pesante
forbici
carta da pacco
colla
nastro isolante nero
tempere
pennarelli marrone e nero

                                               

                                   http://cecieviola.blogspot.it/2013/02/il-forziere-pentolaccia.html

Poco prima dell'inizio della festa, oltre a ricordarsi di portare la paccata di roba che avrete preparato, ricordatevi di andare in tempo per applicare i cartelli nei luoghi strategici che richiamino i riferimenti della mappa.

I giochi
La festa dei pirati per il settimo compleanno di Viola, che organizzai in un paio di mesi (ma all'epoca avevo due lavori, Nicco non andava ancora all'asilo e dunque avevo un paio di ore al giorno, anzi, alla notte, per potermi dedicare all'allestimento) prevedeva l'intera brigata degli amici divisa in due ciurme che si dovevano sfidare in una serie di giochi, la vittoria di ciascuno dei quali dava diritto ad un pezzetto di mappa. L'intelligenza dell'animatore, meglio se coadiuvato (io potevo contare su mia nipote allora ventenne e su due suoi amici) avrebbe fatto sì che le squadre raggiungessero lo stesso numero di pezzi di mappa. Ovviamente, giacché la sconfitta, in queste situazioni, non è bella per nessuno, figuriamoci per i bambini!
Gioco 1: il travestimento: 
No assoluto ai bruttissimi vestiti di fodera che si trovano ovunque, ma anche no ai preziosi costumi cuciti con cura dalla nonna (quella dei miei figli, ad esempio, di una precisione svizzera).
Raccogliete piuttosto:
foulard in tinta unita (hermes lo sconsiglio)
camicie bianche, nere o rosse
leggins a righe o in tinta unita
cinturoni
qualche parrucca nera (nei negozi cinesi se ne trovano a poco in qualsiasi stagione)
qualche cappello che avrete costruito nella fase di preparazione con i vostri bambini (vedi sotto), gioielloni più pacchiani possibile (e a cui tenete di meno)
uno scatolone che ricordi il più possibile un vecchio baule.
spille di sicurezza

Lasciate fare ai bambini, ad eccezione delle spille di sicurezza e offritevi solo come supporto per legare, agganciare, arrotolare.
opzionale: trucco e tatuaggi: se qualche mamma vi aiuta potreste allestire anche un piccolo laboratorio di trucco e tatuaggi, con i prodotti da make up (fanno comunque meno male dei colori di carnevale per bambini, credetemi). Però sappiate che i tempi di attesa rovinano le feste. Se le truccatrici o i truccatori non sono uno stuolo rimandate alla fine della festa. O comprate dei tatuaggi all'acqua, munitevi di spugnetta e coinvolgete anche i papà. Se fate a mano con una matita nera per gli occhi potete ispirarvi a questi soggetti:




Preparate delle fasce da mettere al braccio destro di ciascun giocatore, di colore diverso ovviamente per ciascuna squadra. Basterà una striscia di fodera, senza alcuna rifinitura, e i bambini la indosseranno comunque volentieri. 
Alla fine di questa fase entrambe le squadre si saranno meritate il primo pezzo di mappa ciascuna, solo per il fatto di essersi entrati nella parte.

2 gioco: l'accampamento
I pirati, sbarcati sull'isola, dovranno costruirsi un riparo.
Occorrente:
vecchie lenzuola,
legni levigati, magari raccolti in spiaggia
canne di bambù
corde.
Se siete in casa, siate chiare sui mobili che possono essere utilizzati e quelli che devono essere tenuti fuori dal giochi. I bambini sono molto più bravi degli adulti a rispettare le regole. Anche in questo caso è necessario un adulto a squadra che faccia da facilitatore per nodi, sostegni, eccetera, ma l'idea progettuale deve venire dai bambini stessi. In questo caso vince la squadra che costruisce per prima una baracca in grado di accogliere tutta la ciurma.

Tenda di Galadriel

3 gioco: la cambusa
Occorrente:
un tavolino
farina
acqua
2 piatti (uno per ciascuna squadra)

Il compito dei giocatori è quello di fare più "polpette" possibile per sfamare la ciurma. Vince la ciurma chi in un dato tempo fa più polpette, usando la farina e l'acqua.

4 gioco: affonda la flotta nemica
I bambini, a turno, dovranno cercare di affondare le barchette che metterete in una piscinetta, scegliete voi con quale arma. All'epoca io feci lanciare dei sassetti a mano. Il consiglio è quello di non impegnarsi troppo nella creazione delle barchette, perché non faranno una bella fine, al termine della competizione. Vince la ciurma che ha affondato più barche.

Occorrente
1 piscinetta per neonati o una sabbiera
acqua
barchette autoprodotte
sassi o cosa ritenete opportuno

Risultati immagini per barche giocattolo in fontana

Questo veliero è bellissimo, ma pensate al fatto che uscirà malconcio dal gioco...
http://www.alfemminile.com/bambini/fai-da-te-come-costruire-un-veliero-con-i-tuoi-bambini-s379589.html





















http://www.pianetamamma.it/il-bambino/giocare-e-crescere/festa-di-compleanno-a-tema-nel-covo-dei-pirati.html

                                                                    La caccia al tesoro
A questo punto, se le due squadre hanno lo stesso numero di pezzi di mappa, l'animatrice dovrà sollecitare le due ciurme ad associarsi per ricomporla e cominciare insieme a cercare il tesoro, dichiarando la parità. Per la festa di Viola funzionò. Magari al giorno d'oggi i bambini sono più competitivi....Qui, comunque, dovrete dimostrare tutte le vostre doti di mediazione per spedirli in giro a cercare il tesoro.
Per il tesoro io andai in un negozio di un'associazione dove dei volontari mettevano in vendita a prezzi molto bassi quello che le persone regalavano loro. Spesso sono frutto di svuotamento di soffitte o cantine. Pensate che una vecchia chiave dorata per i bambini è un oggetto prezioso. Niccolò rimase affascinato, da piccolissimo, da un vasetto di silver plated che nei suoi giochi diventava il Santo Graal; anche adesso che è grande non oserei mai buttarlo via.... e penso di averlo pagato 40 centesimi... Quindi io vi consiglierei di evitare quei giocattolini costosi di cui sono già strapiene le case, o i dolci che mangiano a palate. Qualcosa che solleciti la loro fantasia, invece, offrirà loro un'esperienza nuova.

            Risultati immagini per vecchie chiaviRisultati immagini per bijoux rigattiere

E' arrivato il momento della merenda: 


Cake pop di cioccolato a tema: ve li sconsigliamo: ci vuole troppo tempo!!!


muffin al quadruplo cioccolato


Biscotti di pasta frolla a tema


Torta di compleanno


                    http://cecieviola.blogspot.it/2013/07/pan-di-spagna-sprint-per-una-romantica.html

Ma se tanto non vi è bastato, potete dare un occhiata qui:
http://mammaecasalinga.altervista.org/wp-content/uploads/2015/06/SET-COMPLEANNO-PIRATI.jpg
http://compleanni.com/2008/10/un-compleanno-da-pirati-03/
http://www.cosepercrescere.it/biglietto-invito-per-una-festa-di-pirati/
http://www.cosepercrescere.it/caccia-al-tesoro/
http://loradelte-eli.blogspot.it/2013/02/come-organizzare-una-caccia-al-tesoro.html

Ripercorrendo con la memoria tutti quei preparativi, mi sono ricordata di quante occasioni quella festa ci ha dato: le passeggiate lungo la spiaggia e nel bosco per cercare il materiale, i lavori fatti insieme ai bambini, la ricerca di tesori nei mercatini di beneficenza, la ricostruzione delle storie dietro ad ogni tesoro. Non voglio farvi la lezioncina, ma qualunque genitore sa quanto sia importante fare queste esperienze con i propri figli. Si fa presto ad entrare in un negozio e a comprare tutto il necessario per una festa da sballo. E magari a rivolgersi ad un animatore professionista. Ma alcune esperienze non si possono comprare con tutto l'oro del mondo. 
Un abbraccio e buon divertimento

lunedì 6 luglio 2015

Crostata meringata con lemon curd



Siamo senza forze, io di nuovo senza mobilità (nuovo colpo della strega, il secondo, in quest'anno...) e senza nemmeno una macchina fotografica. Non mi resta che rovistare tra le foto d'archivio, in attesa che Viola mi scarichi almeno le foto fatte col telefonino quando era ancora in pasticceria. Non è il massimo ma questo è quanto. Tanto lo so che se perdo l'abitudine di postare poi per ricominciare mi ci vuole chissà quanto... E siccome invece a questo blogghettino ci tengo, eccoci qui.
Questa crostata è stata, mi dicono, veramente super, ed era tempo che ne volevo postare la ricetta

Base di pasta frolla
Ingredienti

250 grammi di farina (si può fare anche con farina forte, addirittura con quella integrale, e il risultato è sempre eccellente)
125 grammi di burro (o margarina in panetti)
100 grammi di zucchero (anche di canna)
2 tuorli d'uovo
il succo di mezzo limone 
un pizzico di sale

Procedimento

Viola la prepara con la farina a fontana, il burro a pomata, ecc ecc . Io infilo tutto nel robot (magari prima mescolo- sempre nel robot- farina e zucchero, e questa è l'unica accortezza). A seconda del clima, soprattutto dal livello di umidità, potrà variare di poco la consistenza dell'impasto, che deve essere liscio e compatto. Se troppo morbido aggiungete farina mescolata con zucchero, se sbriciola del succo del limone. Mi raccomando, procedete aggiungendo a gocce (o a cucchiaini), per non fare come me, che una volta ci ho messo un'ora a trovare la consistenza giusta, perché ho iniziato aggiungendo farina e alla fine ho dovuto aggiungere un altro tuorlo, altri 50 grammi di zucchero e ancora succo di limone!


Pasta frolla senza glutine 
Ingredienti:

125gr farina di riso
125 grammi di farina di grano saraceno
125 gr burro
125 gr zucchero bianco
2 tuorli d'uova
succo filtrato di un limone 


Procedimento
Fate la fontana o infilate nel robot; in questo secondo caso nell'ordine: farine, zucchero, date una girata, altri ingredienti, tenendovi il succo di limone per ultimo a "sistemare" l'impasto. Una volta realizzata la massa compatta mettetela in una busta da freezer e mettete in frigo per mezz'ora. 



Lemon curd
 limoni biologici

100 gr di zucchero 
80 gr di burro a temperatura ambiente
2 uova
Lavate e asciugate bene  2  dei tre limoni, prelevatene la scorza gialla con un pelapatate e mettete nel boccale insieme allo zucchero, impostate su velocità 8 e fate polverizzare per  10 secondi. Raccogliete lo zucchero aromatizzato sul fondo e aggiungetevi il succo dei limoni filtrato (il succo dovrà avere un peso di 125 grammi). Mettete nel boccale anche il burro e le uova e cuocete per 15 minuti a 90° impostando la velocità a  2. Trascorsi i primi 15 minuti togliete il misurino e proseguite per altri  8 minuti. A cottura ultimata posizionate il misurino e frullate per 10 secondi impostando la  velocità 6. Il lemon curd che non utilizzerete subito può essere invasato in vasetti sterilizzati e conservato in frigo per qualche giorno. 
Per il lemon curd senza Bimby potete guardare qui:
Meringa italiana

4 albumi
210 g di zucchero a velo
40 ml di acqua

Preparate lo sciroppo mettendo nel boccale l'acqua con 160 grammi si zucchero, e impostate il Bimby sulla temperatura Varoma a velocità 4 per 7 minuti. Mettete poi via lo sciroppo ma tenetelo al caldo: sarà lui il resposabile della pastorizzazione dei vostri albumi, lavate e asciugate il boccale e fate montare gli albumi inserendo prima la farfalla, aggiungendo i restanti 50 grammi di zucchero a velo e impostando 37° a velocità 4 per 5 minuti.Passati i 5 minuti togliete il coperchio al bimby e versatevi a filo lo sciroppo, continuando a montare, stavolta a freddo, per altri 6- 7 minuti.

Se non avete il Bimby vi potete indirizzare qui:
http://blog.giallozafferano.it/dulcisinforno/meringa-italiana-ricetta/

Assemblaggio finale
Per tutti i procedimenti, con o senza glutine, con o senza Bimby

Accendete il forno a 160° se ventilato; altrimenti a 170°. Stendete la pasta frolla su una tortiera rivestita di carta da forno, bucherellate la superficie con i rebbi di una forchetta e coprite con un altro foglio di carta, su cui metterete fagioli secchi o riso; se avrete lo scrupolo di coprire con la carta da forno anche i bordi della pasta frolla è ancora meglio. Cuocete per 15 minuti in forno caldo. 
Togliete dal forno e con cura togliete la carta da forno con su i fagioli o il riso, versate il lemon curd e rimettete in forno per 10 minuti. Fate raffreddare un poco e decorate con la meringa, distribuita con la sach a poche (ma voi vi potrete sbizzarrire come volete). Se volete brunire un po' la meringa alzate la temperatura del forno e rimettete la torta dentro per altri 2- 3 minuti. Noi abbiamo saltato questo passaggio perché la meringa italiana ci piace così.



mercoledì 1 luglio 2015

Scoiattoli e nocciole per ripartire





Ciao a tutte.
Ebbene sì, siamo state latitanti. Io sono in ferie da oggi, e da tempo non ricordavo di essere arrivata tanto stremata alle ferie. Forse sto invecchiando. Intanto Viola ha trovato lavoro in un ristorante, e a proposito di fatica forse lei ora ne sta facendo più di me. Comunque questa non è una scusa per sparire dalla circolazione. Intanto, giusto per riprendere il via, ecco uno dei lavori che ha fatto nel corso della sua esperienza  in pasticceria: è una torta con pan di Spagna alla nocciola con crema alla nocciola. E cosa c'è di più indicato per uno scoiattolo, se non le nocciole?
Questi sono gli ingredienti:
5 uova
350 g di zucchero
250 g di farina
100 g di nocciole in polvere
1 decilitro di latte
8 grammi di lievito in polvere

Procedimento

Montate a neve gli albumi con metà dello zucchero e battete i tuorli con l'altra metà, in modo da ottenere un composto cremoso e soffice. Aggiungete al composto di tuorli e zucchero la farina setacciata con il lievito e il latte. Quando questo composto sarà perfettamente amalgamato unite gli albumi montati a neve ferma, in modo molto delicato affinché tutto l'impasto non smonti.
Versate nella tortiera e fate cuocere a 170° per 30 minuti. 

Crema alla nocciola
  • 2 tuorli
  • 250 grammi di latte
  • 80 grammi di zucchero
  • 25 grammi di farina
  • 100 grammi di crema spalmabile alla nocciole (noi usiamo quella del commercio equo e solidale della coop)

Procedimento

  • Amalgamare i tuorli con lo zucchero e 80 grammi di latte
  • aggiungere la farina setacciata due volte
  • mettere a riscaldare il latte rimanente e versarvi il composto di uova, zucchero e poco latte
  • aggiungere la vanillina e portare ad ebollizione per qualche minuto, mescolando in continuazione
  • togliere dal fuoco e continuare a mescolare ogni tanto fintanto che non si raffredda
  • alla crema fredda unire con delicatezza la crema alla nocciola

p.s.: la crema vi avanzerà, ma credo che non la butterete via, vero?








Le decorazioni sono in pasta di zucchero, ovviamente, compreso lo scoiattolo.
Ciao a tutte e speriamo a presto!!!!

domenica 10 maggio 2015

per la Festa della Mamma

Vorrei scrivere tante cose, in questo post per la mia mamma. Di queste, nemmeno una sdolcinata. Le altre da dire non sono neppure tutte belle, come vorrebbe lo stereotipo che questa festa, come tutte le feste di questo tipo, impone. Però posso raccontare come in tempi  dominati dall'opinione altrui e dagli stereotipi, appunto, lei ci abbia sempre insegnato a pensare con la nostra testa, ad essere fieri della nostra unicità. 
Non ci ha visti mai, come accade invece alla maggior parte delle mamme  "i più belli del mondo". Ma di certo i più intelligenti. Per noi nessun traguardo, secondo lei, poteva essere irraggiungibile. Non ci ha mai risparmiato le critiche, talvolta anche dure. Ma non si è mai risparmiata nel valorizzare la nostra intelligenza e le nostre capacità. 
E' stata sempre pronta a difenderci, a correre per strada anche in ciabatte, malgrado lei difficilmente rinunciasse e rinunci tuttora ad un look perfetto, se ci vedeva minacciati dai più grandi. E non ha mai temuto professori, presidi, direttori od altro. Io ero certa che niente, di quello che mi poteva accadere, sarebbe rimasto invendicato, perché lei non avrebbe avuto pace se non avesse preso le mie parti, se non si fosse adoperata per risolvere la situazione.
Non ricordo una volta in cui mi abbia detto: "come sei bella!", ma non mi ricordo neppure un attimo della mia vita in cui io abbia avuto bisogno di lei e lei non ci sia stata.
Questo è quanto.
Auguri mamma, per questa festa che non ami, perché la trovi banale, tu che sei così originale.
Io te li faccio lo stesso.

mercoledì 6 maggio 2015

Nozze d'oro per la coppia più bella del mondo!!!

Tra Cucina & Realtà

con questo post partecipo all'iniziativa "Mother's Day dillo alla tua Mamma" del blog Tra Cucina & Realtà.



Ci scuserete per la latitanza, ma adesso vi diamo la giustificazione: i festeggiamenti per le nozze d'oro dei miei genitori. E se per ideare, predisporre e preparare il tavolo francese Viola ha impiegato ogni ritaglio di tempo tra scuola e stage, io il mio tempo residuo dal lavoro e dalla famiglia l'ho usato per creare, insieme a mio marito, un video che presto pubblicherò su you tube (dopo che lo avrò ridotto, perchè 50 minuti di video stenderebbero anche Ghezzi (quello di Blob, per capirci) )!!!


Visto che carini!!!!!



Il tavolo francese, opera di Viola



Una delle rose di pasta di zucchero della decorazione.

Dunque, care amiche e amici, a presto (speriamo)!

lunedì 6 aprile 2015

Post risarcitorio con allestimento pasquale

Siccome la mia mamma ci accusa sempre di non apprezzare ciò che fa, questo post vuole risarcirla da questa sensazione.


In realtà io non ho molto occhio, è vero, tanto che prima di fotografare avrei potuto togliere le orride boccettine di plastica dal tavolo, ma apprezzo sempre i suoi sforzi. Probabilmente nella mia famiglia la comunicazione non è delle migliori, e così, nel non manifestare a gran voce il proprio plauso, chi magari si impegna e si ingegna non si sente gratificato....


In realtà in famiglia l'abilità di mia mamma è universalmente riconosciuta, soprattutto nell'arte di comporre centrotatovala, segnaposto, composizioni eccetera. 

Con questo post vorrei dimostrarle che la sua opera è apprezzata, eccome!!!!
E, nel frattempo, augurare una buona Pasquetta a tutte e a tutti!!!